Ti trovi in: Home > Castelli e la ceramica castellana

Castelli e la ceramica castellana

E' un dovere degli abruzzesi e degli italiani reagire con convinto impegno, per restituire ai castellani e all'Italia la memoria di un grande passato e di un patrimonio di arte e storia tra i più prestigiosi in ambito nazionale e internazionale.

castelli-2016

Castelli rischia di perdere la sua identità legata alla secolare storia dei suoi raffinati maestri ceramisti che ha consentito di narrare fino a ieri, alla propria gente e ai turisti, lo splendore e l'orgoglio di un paesino di montagna la cui celebre tradizione artistica non finirà mai di affascinare.

La notorietà di Castelli e della ceramica castellana si deve all'ingegno di grandi dinastie di artisti, Pompei, Grue, Gentili, Cappelletti, Fuina, creatori, tra il sei e settecento, di uno stile inconfondibile e che regalarono immortalità e splendore ai paesaggi dell'Appennino, alla bella Castelli e ai panorami del Gran Sasso d'Italia.

Ma Castelli è nota anche per una delle imprese più ambiziose della maiolica italiana degli inizi del seicento, ovvero il soffitto maiolicato della chiesina campestre di San Donato, realizzato con oltre 800 mattoni che per la sua impareggiabile bellezza Carlo Levi lo definì "la cappella Sistina in ceramica".
In pieno Rinascimento i prestigiosi maestri di Castelli hanno creato opere di straordinaria bellezza su commissione delle più influenti e ricche famiglie romane come gli Orsini e i Farnese, oggi esposte nei più grandi musei del mondo, il Luovre di Parigi, il British Museum di Londra, il Metropolitan di New York e l' Ermitage di San Pietroburgo.

Walter Mazzitti
Presidente dell'Associazione " Amici del Gran Sasso d'Italia"

QR Code